Bookmark and Share
Ai Cantieri di Sestri aspettavamo da molto questo momento e finalmente il 26 Giugno il varo, dopo una lunga opera di restauro totale. Stiamo parlando del Sea Home la navetta progettata da Hugo Shubert nel 1919. Attualmente rimangono solamente 6 di queste leggendarie navette, che venivano chiamate 'Schubertkryssare', tradotto 'cruiser di Schubert'.
Il m/y Seahome appartiene alla famiglia dell'attuale Armatore da oltre mezzo secolo. I lavori di restauro sono iniziati nel novembre 2012. Si è trattato di un restauro in buona parte filologico, finalizzato a ridare lo splendore originale, mantenendo lo spirito su cui lo yacht è stato concepito ed in linea con il gusto, l'eleganza e l'approccio colto dell'Armatore; è stato trasformato uno yacht elegante senza lussi sfarzosi e nello stesso tempo sicuro e facile da manovrare per poter essere utilizzato efficientemente nelle crociere famigliari che l'Armatore vorrà effettuare, senza necessariamente avvalersi di un equipaggio professionale e vivendo il mare in maniera coerente alla semplice eleganza di uno yacht d'epoca, alla navigazione e la vita di bordo autentica dove spesso la cucina sforna piatti a base di pesce appena pescato e dove più che i porticcioli turistici verranno scelti ancoraggi naturali ed incontaminati, anche lontani dai nostri mari iper frequentati. Abbiamo parlato di varo ma i lavori continuano negli interni per tutte le finiture quindi del Sea Home parleremo in maniera più approfondita in un articolo dedicato dove potremo ammirare tutti i dettagli anche quelli degli interni. I Cantieri di Sestri hanno così aperto la stagione estiva con un varo d'eccezione ma le attività sul piazzale e nei capannoni sono state frenetiche per tutto l'inverno per permettere agli armatori di prendere il mare per le consuete crociere.
Ha preso il largo uno splendido Akir 26 dei Cantieri di Pisa, con un allungamento del suo fuoritutto, una stupenda Beach Platform, una nuova passerella in carbonio e una riverniciatura totale.
Anche il Gin Tonic 37 metri del 1963 uscito dal cantiere Hall Russel&co, dopo un refitting pressochè totale ha finalmente ripreso il largo.
Non possiamo non parlare anche del C5 un Riva Caravel 23 metri del 67 che finalmente riprenderà il mare a brevissimo riportato alle sue forme originali incluso il caratteristico 'alberetto' molto in voga al tempo.
Yoshimi, un nome esotico per una stupenda navetta di 20 mt alla quale è stata rifatta tutta la coperta e dato un nuovo aspetto con la riverniciatura totale. I cantieri navali di Sestri sono un esempio da imitare per l'attenzione al cliente, l'essere sempre 'up to date' sulle attrezzature e le nuove tecnologie e in grado da sempre di essere a fianco dell'armatore per dare forma ai suoi sogni e del comandante per ogni esigenza tecnica anche la più delicata.